PONTEWEB

Ponte dell'Olio

online dal 2004

Via Veneto: la viabilità verrà migliorata

22/11/21 Marino • tag: viabilità

28360lavincorso 28360lavincorsoLa Regione ha approvato la proposta progettuale presentata dalla Giunta pontolliese e ne ha deliberato il finanziamento per un valore di 27.401,56 euro.
Il progetto prevede la realizzazione di una Zona 30 in via Vittorio Veneto al fine di renderla fruibile in condizioni di sicurezza.
«La zona 30 favorirà una riduzione della velocità dei veicoli grazie alla posa di elementi di arredo urbano studiati a questo scopo. Gli elementi di arredo serviranno anche per dissuadere la sosta nei punti maggiormente critici come intersezioni e strettoie». Così dichiara il Sindaco intervistato da Nadia Plucani per Libertà.
Mi auguro che un intervento così impattante non verrà “calato dall’alto” come fu fatto per i paletti (sia quando sono stati messi, sia quando sono stati tolti), ma che sarà oggetto di un percorso partecipato.
“Partecipazione impone coraggio: il coraggio di aprirsi alla comunità pontolliese per condividere bisogni, risorse e soluzioni poiché una comunità è forte solo se coesa e la coesione passa necessariamente dalla partecipazione dei singoli alla vita pubblica” (dal Programma Amministrativo della Lista Pontolliesi per Ponte – Chiesa Sindaco)  FONTE 


 👓 Leggi tutto...  
                         

Viabilità Via Veneto: verrà migliorata

19/09/21 Marino • tag: viabilità

24896lavincorso 24896lavincorsoLa Giunta ha deliberato l'avvio delle procedure per la partecipazione ad un bando regionale per finanziare la “realizzazione di una Zona 30 nella parte storica di via Veneto, al fine di migliorare la convivenza fra le utenze pedonale e veicolare, e ridisegnare in modo funzionale l'arredo urbano”.
Entro il 31/10/2021 sapremo se la domanda sarà stata accolta.
“Partecipazione impone coraggio: il coraggio di aprirsi alla comunità pontolliese per condividere bisogni, risorse e soluzioni poiché una comunità è forte solo se coesa e la coesione passa necessariamente dalla partecipazione dei singoli alla vita pubblica”.
Spero che un intervento così impattante (ridisegnare in modo funzionale l’arredo urbano) non verrà “calato dall’alto” come fu fatto per i paletti (sia quando sono stati messi, sia quando sono stati tolti), ma che sarà oggetto di un percorso partecipato.
16337del---
A margine, leggendo il bando di cui sopra  FONTE , apprendiamo che Ponte dell’Olio è uno dei Comuni siti nella zona oggetto di “infrazione europea” per superamento del valore limite giornaliero di PM10.


 👓 Leggi tutto...  
                         

Consorzio di Bonifica

06/09/21 Marino • tag: consbon

30500consbonlavori2016-2020 30500consbonlavori2016-2020Ho più volte chiesto pubblicamente agli amministratori locali che si sono succeduti alla guida del Comune negli ultimi anni, di rendicontare i lavori effettuati dal Consorzio di Bonifica, ma non hanno mai ritenuto opportuno accogliere la richiesta.
Ho quindi deciso di chiederlo direttamente al Consorzio di Bonifica che, con trasparenza, mi ha comunicato l’elenco degli interventi effettuati dal 2016 al 2020 (vedi tabella allegata).
---
Questa è quindi la situazione dei contributi chiesti e dei lavori effettuati nel nostro territorio:
• 2016 Contributi € 68.862 – Lavori € 24.397
• 2017 Contributi € 72.513 – Lavori € 32.524
• 2018 Contributi € 82.804 – Lavori € 1.830
• 2019 Contributi € 85.787 – Lavori € 82.562
• 2020 Contributi € 87.465 – Lavori € 31.271
---
Nel 2021 i contributi ammontano a € 87.490 e, ad oggi, ho notizia di lavori (compresa IVA) per € 28.986 (Lavori di consolidamento del movimento franoso a protezione della viabilità comunale in loc.Cà Fumo  FONTE_PDF ).
---
Ora ognuno di noi può fare le proprie valutazioni basandosi su dati e informazioni verificate.
Suggerisco di tenere presente anche quanto segue:
- il nostro Comune è soggetto a pagare il Contributo di bonifica dall'anno 2016
- "Il beneficio in montagna è riconducibile alle attività predisposte dal Consorzio contro il dissesto idrogeologico diffuso, progettando e realizzando opere a difesa dei versanti e delle pendici ed alla manutenzione della viabilità minore"   FONTE 
- la materia è normata dalla Legge Regionale 42/84, art.1: "La Regione Emilia-Romagna riconosce, promuove ed organizza l'attività di bonifica come funzione essenzialmente pubblica ai fini della difesa del suolo e di un equilibrato sviluppo del proprio territorio, della tutela e della valorizzazione della produzione agricola e dei beni naturali, con particolare riferimento alle risorse idriche."   FONTE ; art.3 comma 1: "Sono opere di bonifica montana, in quanto necessarie ai fini generali della sistemazione, difesa e valorizzazione produttiva dei territori collinari e montani, quelle rivolte a dare stabilità ai terreni, a prevenire e consolidare le erosioni e i movimenti franosi, ad assicurare il buon regime idraulico, a realizzare le migliori condizioni per l'uso del suolo e dell'acqua nel rispetto delle vocazioni naturali delle singole aree."  FONTE 
- l'importo del contributo di bonifica è determinato sulla base del piano di classifica per il riparto delle spese consortili, del bilancio preventivo e dei ruoli di contribuenza
- il piano di classifica individua aree territoriali omogenee sotto il profilo del beneficio, calcolato considerando indici tecnici territoriali idraulici, la presenza di opere di bonifica e indici economici
- la gran parte del territorio del Comune di Ponte dell’Olio appartiene all’area territoriale omogenea C1002 (Montagna Nure, Chero e Arda) che comprende il territorio dei comuni di Gropparello, Lugagnano, Vernasca e Morfasso e parte dei comuni di Vigolzone, Ponte dell'Olio, San Giorgio, Carpaneto, Castell'Arquato, Alseno, Bettola, Farini e Ferriere, ricadenti nei bacini idraulici delle vallate Nure, Riglio, Chero e Arda,
- gli immobili siti in tale area traggono beneficio dalle attività svolte dal Consorzio per difendere il territorio dai fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, smottamenti ecc..) e per regimare i deflussi collinari e montani del reticolo idrografico minore
- la salvaguardia degli immobili avviene mediante le attività di vigilanza, monitoraggio, manutenzione, progettazione ed esecuzione delle opere di consolidamento dei versanti, di regimazione idraulica (briglie e drenaggi) di viabilità minore e di acquedottistica rurale
- Ponte dell’Olio beneficia quindi anche delle attività effettuate in altri comuni della stessa area territoriale omogenea.

👨
Andrea M.   E’ ovvio che le somme che il Consorzio richiede per il Comune servano in parte per effettuare le migliorie idrogeologiche richieste, in parte serviranno però per il loro stesso sostentamento (stipendi, acquisto attrezzature, marketing, ecc ecc) 07/09/21
👨
Ilfontanasso   Da ignorante in materia di funzionamento dei consorzi di bonifica... 280.000 euro di avanzo (sul nostro territorio comunale) in pochi anni sembrano tanti. 08/09/21
👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Consorzio di Bonifica: contributo 2021

17/07/21 Marino • tag: consbon

14663cbpcmolato 14663cbpcmolatoEcco l’aggiornamento 2021 del contributo di bonifica dovuto per i benefici che l’attività del Consorzio di bonifica genera agli immobili (terreni e fabbricati) del nostro Comune:
- 2021 € 87.490
(di cui € 18.931 terreni e € 68.559 fabbricati)
- 2020 € 87.465
- 2019 € 85.787
- 2018 € 82.804
- 2017 € 72.513
- 2016 € 68.862
Il nostro Comune è soggetto a pagare il Contributo di bonifica dall'anno 2016.
Dal sito del Consorzio di Bonifica: "Il beneficio in montagna è riconducibile alle attività predisposte dal Consorzio contro il dissesto idrogeologico diffuso, progettando e realizzando opere a difesa dei versanti e delle pendici ed alla manutenzione della viabilità minore"  FONTE .
Dalla Legge Regionale 42/84, art.1: "La Regione Emilia-Romagna riconosce, promuove ed organizza l'attività di bonifica come funzione essenzialmente pubblica ai fini della difesa del suolo e di un equilibrato sviluppo del proprio territorio, della tutela e della valorizzazione della produzione agricola e dei beni naturali, con particolare riferimento alle risorse idriche."  FONTE  ; art.3 comma 1: "Sono opere di bonifica montana, in quanto necessarie ai fini generali della sistemazione, difesa e valorizzazione produttiva dei territori collinari e montani, quelle rivolte a dare stabilità ai terreni, a prevenire e consolidare le erosioni e i movimenti franosi, ad assicurare il buon regime idraulico, a realizzare le migliori condizioni per l'uso del suolo e dell'acqua nel rispetto delle vocazioni naturali delle singole aree."  FONTE 


 👓 Leggi tutto...  
                         

Nel 2020 Ponte dell’Olio ha perso 87 residenti

25/02/21 PonteWeb • tag: demografico guardiamedica

22266dubbio 22266dubbio«La natalità del paese non incrementa: le famiglie non fanno figli e non si insediano nel territorio. Il numero di attività lavorative diminuisce: non siamo attraenti e non riusciamo a difendere l'esistente. I numeri sono allarmanti e urge agire al più presto». Così il giovane Consigliere comunale Chiesa su Libertà del 28 febbraio 2016, dopo i primi 20 mesi della consigliatura Copelli (i residenti, tra il maggio 2014, inizio consigliatura, e il dicembre 2015 erano diminuiti di 39 unità).
Cosa è cambiato dopo 5 anni? Lo riassume il Sindaco Chiesa intervistato il 23 febbraio 2021 da Libertà, dopo i primi 20 mesi della sua consigliatura. Ecco alcuni passaggi.
«L’amministrazione sta facendo un lavoro a 360 gradi per rendere attraente il territorio per tutte le fasce di popolazione, in particolare per le famiglie, un impegno che passa dall’arrivo del pediatra, il dott. Gianmarco Ferro, previsto in primavera, e della guardia medica che vorremmo si concretizzasse entro la fine del 2022, ed ancora l’assunzione di un cantoniere per un territorio più curato, un piano di manutenzione della viabilità e dissesti per un territorio più accessibile, l’assunzione di un secondo agente di Polizia locale per un territorio più vivibile dal punto di vista delle regole, la ridefinizione degli appalti per un territorio meglio gestito. Su questa sfera di servizi l’amministrazione si concentra per riportare le persone a vivere a Pontedellolio, che già oggi ha buone basi» (i residenti, tra il maggio 2019, inizio consigliatura, e il dicembre 2020 sono diminuiti di 72 unità).

👨
Marco   Lascerei perdere le esternazioni del 2016, erano semplici constatazioni prive di proposte tese alla risoluzione di quegli stessi problemi.
Riflettiamo sull’intervista di questi ultimi giorni. In quell’occasione il Sindaco indica iniziative, presenti e future, di contrasto allo spopolamento della nostra comunità.
Vedremo nei prossimi anni se le risposte dall’andamento demografico premierenno le scelte oggi compiute dall’Amministrazione Comunale di Ponte dell’Olio.
Saluti a tutti.
Marco Boselli. 25/02/21
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Verso il giro di boa

04/02/21 Marino

15424sindacoIl "punto" del Sindaco sul primo terzo del percorso amministrativo.
"Agire nel quotidiano, migliorando il paese partendo dalle basi: questo è stato l'impegno dell'amministrazione sin dall'inizio del mandato.
Come ogni prima parte di percorso amministrativo, l'attività di impostazione e preparazione del programma ha assorbito buona parte del tempo fin qui trascorso.
L'anno 2020 ha già visto l'attuazione di alcune linee strategiche:
- un massiccio investimento sul territorio con la manutenzione della viabilità e il ripristino dei dissesti idrogeologici,
- il potenziamento dell'organico di Polizia locale,
- la rinegoziazione dei mutui,
- un nuovo approccio nella gestione del verde pubblico,
- la strutturazione di una collaborazione pluriennale finalizzata a garantire la sicurezza in eventi e manifestazioni,
- la modifica dei criteri (pro-residenza storica) sull'assegnazione degli alloggi,
- la riqualificazione del patrimonio immobiliare (sede della Banda, bonifica ex Municipio, ecc.).
Oltre a ciò, il lavoro preparatorio sulle grandi opere e sulle questioni mai chiuse di Ponte dell'Olio, siano esse completamente nuove, ereditate, tramandate, dimenticate, mai iniziate, parzialmente fatte e chi più ne ha più ne metta:
- palazzetto dello sport,
- asse viario ex Sift,
- illuminazione a LED,
- smart city,
- Fornaci,
- poliambulatori,
- biblioteca,
- ecc.
L'anno 2021, secondo le previsioni, dovrebbe vedere la realizzazione o quantomeno l'avvio materiale, nonchè in certi casi il termine, di tutti questi capitoli aperti sul tavolo.
In aggiunta a ciò,
- si arriverà ad una ridefinizione degli appalti di servizi (verde, neve, cimiteri, ecc.) e delle concessioni (lago, palazzetto, ecc.) in un'ottica maggiormente qualitativa e di medio periodo,
- all'ampliamento dell'offerta culturale con l'ingresso nel polo bibliotecario piacentino,
- ad una ulteriore crescita del personale con l'assunzione di un terzo cantoniere
- e altro ancora.
Senza bacchetta magica. Senza pregiudizi di sorta. Con umiltà e la voglia di continuare a mettersi quotidianamente in discussione per migliorare sempre più la nostra comunità."

 FONTE 


 👓 Leggi tutto...  
                         

Lettera stravolta

27/09/20 Gianpiero

Ieri ho inviato la lettera che poi segue, al Direttore di "Libertà" per commentare l'apertura in pompa magna della cosiddetta tangenziale di San Giorgio. Da tempo avevo deciso di non commettere più l'errore di scrivere a "Libertà" dato il modo in cui trattano le verità, ma stavolta ritenevo fosse l'occasione buona anche per sorridere un po'. Risultato, lo scritto è stato fortemente manomesso, e stravolto con tagli che lo hanno reso quasi inconsulto in certe parti ed hanno tolto completamente la nota ironica che lo caratterizzava.
Pertanto (visto che non sia assolutamente immaginabile un ritorno al recupero di tutto il testo, come inviato) lo riporto di seguito integralmente (anche con la premessa personale al direttore), almeno per chi nel nostro ambito pontolliese. Grazie per l'attenzione.

Testo integrale
- Ancora una volta sono vittima di me stesso, di quella specie di prurito che mi spinge a grattarmelo scrivendole nuovamente, nonostante il proposito di non farlo più. Ma questa volta lo faccio poiché, dopo la mia consueta trattazione, come Lei forse ricorderà, sempre piuttosto ironica (bisogna pur anche sorridere qualche volta) vorrei fornire qualche suggerimento, per il futuro, a chi progetta lavori su quelle strade che, ahimè, siamo costretti a percorrere quasi quotidianamente con i nostri poveri veicoli spesso non Euro, (ma a prescindere da ogni giudizio sulla dipendenza politico economica dalla osannata Unione), senza scorta e senza autista.-

Gentile Direttore,
nel suo articolo in prima pagina, sostiene che con la nuova strada di San Giorgio si avranno tempi di percorrenza abbrevviati. Sicuro di quello che sostiene? Ha fatto qualche prova? Ha tanta esperienza di percorrenza di quell'itinerario?
Mi scusi ma ne ho qualche dubbio.
Io invece ce l'ho e temo che purtroppo succederà come è successo per il tratto da Podenzano a Piacenza lungo la Valnure e per il tratto ovest della tangenziale di Piacenza.
Sono strade frequentate da innumerevoli veicoli lenti, trattori agricoli con rimorchi vari, autospurghi, enormi TIR semisnodati, che impiegano non secondi ma minuti per arrestarsi alle rotonde, percorrerle e riprendere poi la velocità di regime. Con la vecchia viabilità, esistevano tratti in cui si riusciva, anche senza rischio, a sorpassare uno di questi veicoli e si riprendeva il viaggio a buona andatura.
Oggigiorno: provi pure Sig. Direttore, a percorrere una di queste nuove strade e ritrovarsi davanti un bel trattore, con un bel carro allacciato dietro, avendo a disposizione solo una stretta corsia per ogni senso di marcia, con il divieto continuo di sorpasso. Vedrà come si abbrevvia il tempo di percorrenza!
In compenso ci ritroviamo con banchine laterali di un paio di metri ciascuna, che svolgono l'unico "compito utile" di raccogliere ogni genere di rifiuti (soprattutto di plastica) lanciata "civilmente" dai percorritori e che nessuno si prodiga poi a raccogliere (sempre salvo che ci sia in vista la visita di qualche alto "papavero".
Non sarebbe stato dunque più vantaggioso (mi trattengo il termine intelligente, per non offendere nessuno) realizzare due corsie per senso di marcia, dal momento che la superficie occupata (terreno espropriato) sarebbe poi stato lo stesso e sarebbe servito ben poco asfalto in più? Almeno si sarebbero realizzate opere veramente funzionali, in linea con un mondo che esige di aumentare sempre più la velocità di comunicazione e necessita di diminuire l'inquinamento. Ma forse dimentico che la nostra è terra di salumi e quindi, forse, anche i progettisti della viabilità cercano di dare la propria partecipazione costruendo dei "budelli". Peccato che poi, invece della carne da salume, ci si ritrovino coloro, che detti budelli sono costretti a percorrere ogni giorno, magari per andare a lavorare.
E a proposito di inquinamento: possibile che mai nessuno, nemmeno i signori ambientalisti più accaniti, sembri pensare quanto diventi maggiore l'inquinamento percorrendo un tratto di strada con un veicolo in terza o anche seconda marcia anzichè in quinta? Facciano un po' il calcolo di quanti giri debba compiere un motore nei diversi rapporti per percorrere lo stesso tragitto, non è un calcolo poi molto difficile! Si tratta solo di fare qualche moltiplicazione e divisione, meno difficile del classico calcolo della vasca che perde mentre il rubinetto è aperto.
A Case Nuove faranno una rotonda? Bene, se la faranno con il solito concetto con cui sono state fatte le altre: vorrà dire che mentre oggi in quel tratto scorrono velocemente migliaia di veicoli al giorno in quinta marcia, quindi a basso regime di motore, e con permanenza di una manciata di secondi, poi, con la rotonda, le stesse migliaia di veicoli dovranno scalare a marce ben basse, forse pure fermarsi, per poi ripartire con belle accelerate di motori, e rimarranno nel tratto per parecchie decine di secondi. I signori progettisti si sono già premurati di calcolare quante tonnellate di fumi di benzina e gasolio in più verranno scaricati ogni anno?
Senza parlare poi delle lunghe attese, a veicolo fermo, per superare i famosi budelli o "colli di bottiglia" (chiaro che col salume, non possa mancare anche una buona bottiglia!).
Ma ormai ce le hanno propinate e ce le dovremo tenere, in attesa che qualche genio (scovato nel mondo della politica, dove ce ne sono tanti!) trovi finalmente il modo di alimentare le auto a demagogia. Se ci riesce: siamo a cavallo! Con tutta quella che c'è in Italia, forse riusciamo pure ad esportarla.
Con cordialità e ironia,
Gianpiero Nani (Carmiano)


 👓 Leggi tutto...  
                         

Il Comune di Piacenza assume 4 operai specializzati

25/09/20 Marino • tag: cercolavoro

20801offlavIl Comune di Piacenza assume quattro operai specializzati.
👷 Un operaio è destinato all’Unità operativa Economato con funzioni di meccanico, addetto alla gestione, ispezione e controllo del parco mezzi comunale (auto, motociclette, scooter e biciclette), con mansioni di manutenzione ordinaria delle componenti meccaniche dei mezzi, adozione di procedure per la pianificazione operativa – ad esempio tagliandi di verifica o sostituzioni di gomme – e gestione, in collaborazione con gli uffici amministrativi di riferimento, dei contratti inerenti al parco mezzi con le ditte assegnatarie di noleggi, riparazioni, forniture materiali o carburante. E’ richiesto l’assolvimento della scuola dell’obbligo e il possesso di patente C.
👷 Un altro è destinato all’Unità operativa Mobilità come cantoniere stradale, cui saranno richieste attività di manutenzione, anche di tipo specialistico, nel settore della viabilità, utilizzando apparecchiature tecniche e specifici strumenti di lavoro.
👷👷 Gli altri due operai andranno in forze all’Unità operativa Manutenzioni, rispettivamente con mansioni di cura del verde pubblico e di manovale edile che prevedono, in entrambi i casi, attività tecnico-manutentive anche di tipo specialistico.
 FONTE 


 👓 Leggi tutto...  
                         

Consorzio di Bonifica: contributo di bonifica 2020

14/09/20 PonteWeb • tag: consbon amicocomunetrasparente

1014ele19-intendobatterepugni 1014ele19-intendobatterepugniNel programma di mandato, l'attuale Amministrazione si è impegnata a "verificare la coerenza di quanto imposto attualmente dal Consorzio di Bonifica e le opere da questo messe in atto a vantaggio degli obbligati".
Mentre attendiamo che l'Amministrazione comunale renda noto l'elenco valorizzato delle opere realizzate "contro il dissesto idrogeologico diffuso, progettando e realizzando opere a difesa dei versanti e delle pendici ed alla manutenzione della viabilità minore" dal 2016 ad oggi, rendiamo noto che il "contributo di bonifica 2020" chiesto ai pontolliesi ammonta a € 87.465.
Ecco l'evoluzione dei contributi annuali richiesti dal 2016, anno dal quale il Consorzio di Bonifica ha iniziato ad emettere i "ruoli di contribuenza" sul territorio pontolliese:
- 2016 € 68.862
- 2017 € 72.513
- 2018 € 82.804
- 2019 € 85.787
- 2020 € 87.465 + 27% rispetto al 2016
per un totale di quasi 400.000 euro.
Sarebbe anche opportuno (doveroso?), che l'Amministrazione comunale facesse da tramite per spiegare ai pontolliesi i motivi dell'aumento impositivo evidenziato +27%?


 👓 Leggi tutto...  
                         

Viabilità in Via Veneto

19/06/20 Marino • tag: dissuasoridisosta

5661arrabbiato 5661arrabbiatoQuesta mattina ho dovuto recarmi un paio di volte in farmacia e ho toccato con mano, e ho subito i disagi, dell'attuale viabilità di Via Veneto a causa del comportamento di alcune persone che parcheggiano dove non dovrebbero.
Tali comportamenti sarebbero facilmente eliminabili se le autorità preposte inibissero "fisicamente" la possibilità di parcheggiare nei tratti più a rischio di Via Veneto (almeno in questo periodo in cui siamo costretti a sostare in fila sui marciapiedi).

👨
Ilfontanasso   Veramente ignobile il parcheggio selvaggio nel tratto tra Vicolo Zurlini e Via Ghizzoni. Se ce passo col trattore giuro che faccio tutti gli specchietti lato guida delle macchine in divieto (che peraltro riguarda sia sosta che fermata) 21/06/20
👨
Anto   In merito alla viabilità in via Veneto vorrei anche far notare che parcheggiando le macchine a caso, non resta più spazio per le macchine in transito che devono per forza occupare il marciapiede opposto con gravi rischi per i pedoni. 21/06/20
👨
Black&White   Con un’amministrazione che ha fatto della rimozione delle "famose" parigine uno dei punti qualificanti della propria campagna elettorale, c’è poco da sperare..
Se non ricordo male, la sperimentazione della "nuova viabilità" nel centro storico dovrebbe terminare il 30/06/20, a meno che non sia già intervenuta l’ennesima proroga..
Chissà quali conclusioni verranno tratte questa volta, e se nel concetto di "viabilità" verrà considerata anche la sosta selvaggia, frutto del menefreghismo e della maleducazione di certa gente, ma sono assai poco fiducioso al riguardo..
21/06/20
👨
John Connor   Marino Le chiederei di ripubblicare la foto postata dai nostri amministratori in cui si vedevano alcuni di loro con un piccone accanto ad una delle parigine, così per rinfrescare la memoria ai pontolliesi giustamente inca**ti per il parcheggio selvaggio!
Il Borgo è di tutti e non solo di quegli esercizi commerciali che credono di trarre vantaggio dal parcheggio selvaggio!! 22/06/20
👨👨👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         
Pagina 1 di 6
 >>> 
Privacy Policy e Disclaimer